Category Archive:attualità

ByAlessandro Fedele

“Trasformazione non convenevole a livelli pensionistici”. Luisa Pietropaoli dalla Flc CGIL racconta la sua storia e quelle dei suoi colleghi docenti.

di Alessandro Fedele 

Una lunga storia che inizia a Caserta e che “finisce” a Brescia per la Prof.ssa Luisa Pietropaoli, costretta a lavorare a Brescia anche se residente a chilometri di distanza dal lavoro e per di più con una particolare situazione personale.

Vediamo l’intervista rilasciata.  CLICCA PER LEGGERE L’ARTICOLO

ByAlessandro Fedele

Reggia di Caserta. Sprechi d’acqua e incuria del verde.

di Alessandro FEDELE

Oggi al nostro giornale è pervenuta una segnalazione di un visitatore della Reggia di Caserta. Sprechi d’acqua e incuria del verde interessano la pineta di Corso Giannone e il verde interno la Castelluccia del parco della …   CONTINUA A LEGGERE L’ARTICOLO

ByAlessandro Fedele

IL 1883 RITORNA. LA POLVERE SI SOLLEVA A CASAMICCIOLA

L’osservatorio Vesuviano (Istituto Nazionale di Geofisica e Vulcanologia) ha registrato un evento sismico di magnitudo 4.0 localizzato a mare, circa 3 Km a nord di Lacco Ameno.

Leggi l’articolo pubblicato su BelvedereNews

 

ByAlessandro Fedele

#ManoCRIMINALE

#ManoCRIMINALE
La News di questa sera riguarda la criminalità e ciò che, di bello, distrugge nei nostri territori.
L’articolo parla, ahimè, dell’incendio sviluppatosi in queste poche ore pomeridiane e che ha messo in pericolo la cittadinanza del borgo di Caserta Vecchia.

Leggi l’articolo pubblicato su BelvedereNews 

ByAlessandro Fedele

San Michele in fiamme anche questa sera. La collina brucia ormai da una settimana

San Michele in fiamme anche questa sera.
La collina brucia ormai da una settimana

  •  09/07/2017 23.42.58
  •  ATTUALITA

Caserta – Questa sera San Michele è ritornata ad ardere. Dalle ore 19:00 circa, nell’unica zona verde che era riuscita a salvarsi, le fiamme sono pian piano divampate invadendo il versante nord. L’incendio sembra avvicinarsi alla sottostante strada che da San Michele conduce al Santuario di Santa Lucia.

Da poco sono intervenuti i Vigili del Fuoco nel tentativo di domare il rogo.

(Alessandro Fedele)

ByAlessandro Fedele

Tragico incidente in centro città

Tragico incidente in centro citta’:
due donne investite in via Mazzini

  •  09/07/2017 21.28.13
  •  CRONACA

Caserta – Due donne sono state investite sulle strisce pedonali all’angolo di via Mazzini (già piazza Vanvitelli). Ad investirle è stata una ragazza che conduceva una utilitaria Dr. Una delle due donne, a quanto pare in condizioni serie, è stata trasportata al pronto soccorso.

A quanto pare e da quello che si evince dalla foto, nonostante la vicinanza alla questura, non vi è stato intervento tempestivo delle forze dell’ordine. Da nuovi aggiornamenti, sappiamo che le donne sono state immobilizzate, per possibili fratture, e trasportate entrambe all’ospedale.

(Alessandro Fedele)

ByAlessandro Fedele

San Michele continua a bruciare. Mezzi insufficienti per arginare il fuoco

San Michele continua a bruciare.
Mezzi insufficienti per arginare il fuoco

  •  05/07/2017 20.54.40
  •  ATTUALITA

Maddaloni (Caserta) – Questo pomeriggio la collina di Maddaloni, “San Michele”, è stata nuovamente bruciata, eliminando quella piccola parte di vegetazione che ne rimaneva. Esattamente alle 13:30 è iniziato il rogo, l’intervento dei Vigili del Fuoco e del Nucleo Forestale dei Carabinieri, quasi tempestivo, è riuscito a controllare, per il momento, le fiamme.

Voci indiscrete, provenienti dai soccorritori di queste ore, dichiarano di non avere sufficienti mezzi e di non riuscire con facilità a contattare le sale operative dei comandi per gli aggiornamenti sulla causa. Per il momento è difficile ottenere ulteriori informazioni sulla vicenda e perciò attendiamo prossimi aggiornamenti per definire sia la natura del rogo, che le condizioni ambientali della collina maddalonese.

E’ da lunedì (3 luglio) che la collina di Maddaloni (CE), dove si erge la chiesa di San Michele, è circondata da roghi che stanno ormai distruggendo centinaia di ettari di terreno.

Il primo focolaio d’incendio sarebbe divampato intorno alle 18:00 dello scorso lunedì ed oggi (5 Luglio) ha iniziato ad ardere il resto della collina che si era salvato fino alle 14:00 di questo pomeriggio.

Non è ancora chiaro se l’incendio sia di natura dolosa.

Il rogo, iniziato questo pomeriggio, è ormai fortunatamente circoscritto in focolai. I vigili del fuoco non escludono che nella notte, anche a causa dei venti, questi focolai possano estendersi.

Ore 21:30, tra non molto partirà una nuova squadra che sorveglierà i focolai, cercando di evitare ulteriori danni.

Per garantire uno spegnimento totale del fuoco su ‘San Michele’, il coordinamento ha disposto un intervento aereo, con gli elicotteri del Nucleo Forestale dei Carabinieri, per domani mattina.

Intanto i Vigili del Fuoco fanno sapere che l’incendio in vallata è controllato.

(Alessandro Fedele)

ByAlessandro Fedele

“Prendi tempo per…”  #momo il campo scuola estivo

“Prendi tempo per…”
#momo il campo scuola estivo

  •  08/06/2017 8.04.57
  •  SCUOLA

L’estate arriva anche a Tuoro. Nella storica frazione del Comune di Caserta, anche quest’anno si svolge il campo scuola estivo, adatto al giusto intrattenimento per i giovanissimi. Dal lunedì al venerdì dalle 8:00 alle 16:30 fino al 28 luglio, presso l’oratorio ANSPI “S. Stefano P.M.” situato in via parrocchia, 30.

La realizzazione di questo campo, anche ben articolato, riguarda non solo il parroco Biagio Saiano, ma anche i ragazzi tuoresi che in maniera del tutto volontaria dedicano le loro settimane di giugno e luglio all’animazione.

“Prendi tempo per: il coraggio, l’amicizia, l’avventura e il gioco” è lo slogan del campo scuola. Le mattine e i pomeriggi dei bambini, permettono lo svago sotto ogni aspetto, dalle escursioni alle attività laboratoriali.

Una splendida iniziativa, forse inedita, è la conoscenza del territorio, un’attività didattica sicura sotto forma di gioco, che garantisce ai piccoli partecipanti di ampliare la conoscenza del territorio che abitano.

Ovviamente non possono mancare le attività sportive come il calcio. Oltre il gettonatissimo calcio, però, il campo scuola organizza anche escursioni in piscina e gite.

Tuoro è anche nota per le attività teatrali. Ricordiamo infatti la compagnia “I cento chiodi” e perciò, sempre con gli animatori dell’ANSPI, vengono organizzate anche attività teatrali.

Siccome a Tuoro l’arte non manca, da oltre cento anni esiste la banda musicale che, per storiche vicende purtroppo non ben documentate, conserva il nome di “Banda Musicale Città di Tuoro” e quindi non poteva mancare anche l’attività musicale proposta dagli animatori ai bambini del campo scuola estivo.

Per concludere con un invito, gli organizzatori si sono espressi dicendo: “vi aspettiamo presso l’Oratorio ANSPI, per l’avventura più entusiasmante dell’estate 2017. Stare insieme, divertirsi, giocare, vivere nuove amicizie! Non mancare!”.

(Alessandro Fedele)

ByAlessandro Fedele

“La mafia può essere abbattuta ma abbiamo bisogno di tutti gli italiani”

“La mafia può essere abbattuta
ma abbiamo bisogno di tutti gli italiani”

  •  26/05/2017 17.53.15
  •  CULTURA

“La mafia può essere abbattuta” – queste le parole del Generale Domenico Cagnazzo che ha poi continuato dicendo – “ per farlo abbiamo bisogno di tutti gli Italiani”. Ricorda al pubblico l’arresto di Riina che lui stesso condusse. Tenendo poi a sottolineare – la mafia non è ancora morta e quindi dobbiamo tenere la guardia alta – ha poi ricordato l’appuntato Tiziano Della Ratta, che perse la vita a Maddaloni, per mano della criminalità organizzata.

Tutto ciò è avvenuto durante la presentazione del libro “MAFIA, Genesi di un male” di Claudio Mazzarese Fardella Mungivera, che ha composto questo saggio grazie alla sua esperienza come ufficiale di Carabinieri – ha detto – questo saggio tenta di chiarire quello che possiamo definire un uso improprio del termine mafia, che nella storia ha assunto varie valenze. Il libro non fa nient’altro che aiutare chi lo legge, a comprendere la gravità del fenomeno, facendo così da guida ad una vita per la legalità.

La mafia è l’ignoranza delle persone e questo ho potuto capirlo – ha detto – grazie ai valori che il mio colonnello dell’ epoca (D. Cagnazzo), ha saputo trasmettermi quando ero un giovane ufficiale a Palermo e spero che questo scritto possa far comprendere alla gente quanto ci sia bisogno di fare unione per debellare la criminalità organizzata. In risposta, Marco Puglia, ha detto : “L’omertà è ovviamente un ostacolo alle istituzioni e un danno alla società”, e, infatti, Mungivera fotografa, in maniera drammatica, la situazione vissuta con l’associazione criminosa che se non denunciata a causa di quel fattore detto “omertà”, non sarà mai possibile accostare la parola fine a quella mafia.

Per chi vi scrive, il libro è apparso semplice e critico, generando una sorta di invito nascosto a credere nello Stato che è l’unione delle persone sane di gesti. Lo scrittore, poi non si sofferma solo sui fatti dei giorni nostri, bensì, crea una pluralità con il presente e il passato e quindi la relazione storica, dei secoli addietro, con la criminalità organizzata.

Ritornando poi allo stimabile Cagnazzo che dice – “la camorra non è la mafia” – spiegando che per esperienze vissute, è certo che la situazione criminosa che si vive nelle nostre zone non è paragonabile a quella siciliana – a Palermo è possibile toccare con mano la mafia.
(Alessandro Fedele)