Cibi da evitare per non intossicare il corpo

Cibi da evitare per non intossicare il corpo

15 Dicembre 2018 0 Di Mariagiovanna Florino

L’arma più efficace di cui disponiamo per evitare l’intossicazione del corpo è, a tutt’oggi, la prevenzione. Prevenire è il metodo migliore per evitare qualsiasi tipo di disturbo e di danno cellulare.

La causa più rilevante di intossicazione del corpo è un’alimentazione scorretta ed è quindi sull’alimentazione che bisogna intervenire primariamente se si vuole fare qualcosa di concreto per evitare un accumulo di tossine in eccesso.
In altre parole diventa estremamente importante imparare a nutrirsi in modo sano, da un lato, evitando i cibi dannosi e dall’altro scegliendo quelli più adatti a costruire, nel nostro organismo, quelle difese necessarie a proteggerci e a disintossicarci in modo adeguato.

La ricerca scientifica ha infatti dimostrato come l’alimentazione, a seconda del suo contenuto di elementi nutritivi come zuccheri, vitamine, sali minerali, fibre, sia in grado di garantire un benessere psico-fisico e un processo di disintossicazione efficace.

L’importante ruolo dell’alimentazione nella disintossicazione

Quali sono gli errori alimentari più frequenti? Le abitudini alimentari più dannose, al giorno d’ oggi, sono prevalentemente l’eccesso di grassi e di calorie, la carenza di fibre, di vitamine e di sali minerali, l’elevato consumo di bevande alcoliche e di alimenti affumicati o conservati sotto sale.

È buono evitare cibi troppo raffinati o manipolati ed alimenti di origine animale. Uno degli obiettivi da perseguire è infatti quello di mantenere bilanciato l’equilibrio naturale del nostro organismo tra acqua, grassi, proteine, zuccheri e sali minerali, equilibrio che può contribuire a contrastare l ‘azione delle sostanze tossiche veicolate dagli alimenti che ingeriamo.

È importante, quindi, scegliere i cibi “giusti” che, grazie ai preziosi micronutrienti che contengono, possono contribuire sia a rafforzare le difese immunitarie sia a disintossicare l’organismo in modo adeguato ed è altrettanto necessario sapere invece quali evitare per non intossicarsi.

La capacità di reagire agli attacchi delle varie malattie dipende molto dall’efficienza del nostro sistema immunitario che allontana gli agenti tossici ed elimina le cellule anomale. Da tempo la ricerca scientifica ha dimostrato come queste funzioni si indeboliscono con l’età, tale fenomeno aumenta la suscettibilità alle infezioni, è stato però dimostrato che almeno una parte dell’ indebolimento del sistema immunitario è dovuto ad una cattiva alimentazione.

I cibi “intossicanti”

Con il termine intossicazione si indica uno stato morboso causato dall’azione svolta sull’organismo da alimenti e sostanze tossiche, l’interazione di una o più sostanze tossiche aumenta l’intossicazione causando danni anche gravi.

È consigliabile evitare l’assunzione di cibi ritenuti “intossicanti” come:
⦁ Lo zucchero bianco;

⦁ Gli alimenti troppo cotti;

⦁ La carne rossa e la carne conservata come i salumi, wurstel ecc perché la carne contiene molte proteine di derivazione animale ma anche una discreta quantità di ammoniaca, cadaverina, acido urico e putrescina, sostanze difficili da eliminare dal nostro organismo causando un accumulo eccessivo di tossine;

⦁ Limitare il sale e i cibi sotto sale;

⦁ Evitare gli alimenti che contengono muffe;

⦁ I cibi contenenti sostanze chimiche tossiche come i pesticidi, erbicidi e concimi chimici, sono allo stesso modo da evitare;

⦁ Eliminare i cibi “spazzatura” molto calorici e poco nutrienti che danno poco senso di sazietà;

⦁ Evitare, il più possibile, gli additivi alimentari come i coloranti e i conservanti limitando il consumo di cibi in scatola;

⦁ Ridurre le bevande zuccherine;

⦁ Evitare i cibi contenenti sostanze chimiche tossiche come i pesticidi, erbicidi e concimi chimici;

⦁ Limitare il consumo di grassi saturi e in generale adottare un regime alimentare equilibrato e povero di grassi;

⦁ Evitare il consumo di farina di tipo 00 in quanto contiene solo amido e nessuna sostanza nutritiva e privilegiare invece il consumo di farina di tipo integrale o di tipo 1 e 2 che sono più ricche di nutrienti e quindi con proprietà benefiche.

Inoltre è indispensabile ricordare che tutto ciò che non è frutta e verdura produce scorie che non possono essere utilizzate dal nostro organismo e che sono difficili da eliminare.